• Rate this poem
5
Sending
User Review
5 (3 votes)

Hevrin

(Poesia per il popolo curdo)

written by: Francesco Abate

@FrancescoAbate3

 

Sorge grondante la mezzaluna sporca di sangue
e cala sul fragile corpo la stella della morte:
cinque punte acuminate trafiggono la carne
per rubare l’ideale nascosto nel cuore.
Dolce Hevrin,
non badare alla polvere
che sporca il tuo volto;
sarà alzata dal vento
per soffocare le iene
che l’hanno deturpato.

Domina il cielo la mezzaluna sporca di sangue
e la stella compagna tormenta un popolo
colpevole di essere sconfitto, atterrato,
ma mai stanco e mai rassegnato.
Dolce Hevrin,
non badare al sangue
che bagna la sabbia;
allagherà le case nemiche
e annegherà in quel mare
il demone della mezzaluna.

Semina morte la mezzaluna sporca di sangue
e i raggi della stella oscurano il massacro
agli occhi indifferenti e a quelli malvagi
che si chiudono di fronte al dolore.
Dolce Hevrin,
perdona l’indifferenza
del mondo civile;
è un veleno nel nostro sangue
che arriverà presto al cuore
e ci donerà l’inferno che meritiamo.

Francesco Abate

Francesco Abate

I'm a writer and a poet, I published in 2015 the Italian novel "Il Prezzo della Vita"
Francesco Abate

Latest posts by Francesco Abate (see all)

Read previous post:
Writing To Myself, commentary by Christopher J. Falvey at Spillwords.com
Writing To Myself

Writing To Myself written by: Christopher J. Falvey @yeahocd   I am a bad communicator because I am obsessed with...

Close