• Rate this poem
5
Sending
User Review
5 (4 votes)

Campania Felix

written by: Francesco Abate

@FrancescoAbate3

 

C’era una volta la terra del Sole
che timido la sera
si tuffava nel mare.
Dove posso ora amare d’estate?
C’erano i grappoli di dolce uva
che davano il sangue
per colorarci le notti.
Dov’è finito l’odore del vino?
C’era l’olivo che dava il fresco
e il suo oro liquido
che condiva la vita.
Chi ha rubato il pane e olio?
C’erano i forni, genesi d’arte
e di risate tra amici
che scolpivano il cuore.
Chi ha disperso il profumo del pane?
C’erano i luoghi dell’anima
e di canzoni d’amore
alla vita e alla terra.
Chi ha bruciato la bellezza?

Piango una terra che è stata la donna
di mille poeti e mille pittori;
morta bruciata da un rogo infamante
acceso da chi odia l’amore.

Qui giace colei che fu chiamata
Campania Felix.

Francesco Abate

Francesco Abate

I'm a writer and a poet, I published in 2015 the Italian novel "Il Prezzo della Vita"
Francesco Abate

Latest posts by Francesco Abate (see all)

Read previous post:
How to Make Friends and Influence People in Cyberspace, commentary by Michael Natt at Spillwords.com
How to Make Friends and Influence People in Cyberspace

How to Make Friends and Influence People in Cyberspace written by: Michael Natt   The book “How to Make Friends...

Close